[mc4wp_form id="5"]

Termografia: sicurezza, efficienza e risparmio

La Termografia per noi non ha segreti, qualunque sia l’applicazione.

Elettrica, Meccanica, Cuscinetti, Scaricatori di Condensa, Fotovoltaico, Refrattari, Isolamenti, Forni, Perdite di gas e molto altro!

Con la termografia l’operatore non ha bisogno di toccare gli oggetti da controllare: si può fare in tutta sicurezza senza fermare gli impianti. É una tecnica utile, rapida e universale.

Noi di DarkWave Thermo eseguiamo l’analisi delle istallazioni e degli impianti con i migliori strumenti sul mercato, con calibrazione certificata. Prepariamo poi una relazione firmata da un tecnico di Livello III secondo la norma ISO 9712 che potrà, tra l’altro, essere utilizzata con l’Ente certificatore della tua azienda o con l’assicurazione.

La termografia degli impianti elettrici è forse la più comune applicazione della termografia infrarossi da quando è apparsa fra le tecniche diagnostiche.
Questa tecnica si è estesa praticamente a tutti i campi dell’analisi industriale ed altri ancora. Perchè presenta notevoli vantaggi.

Possiamo offrire una varietà enorme di servizi e di tipi di ispezione, qualificati, per qualsiasi tipo di applicazione.
Qualche esempio:

  • Armadi elettrici
  • Trasformatori
  • Blindosbarre
  • Linee aeree
  • Pacchi batterie
  • Motori elettrici
  • Macchine rotanti in genere
  • Cuscinetti e loro alloggiamenti
  • Nastri trasportatori
  • Riduttori e motoriduttori
  • Sistemi di trasmissione a cinghia
  • Isolamenti e refrattari
  • Analisi di livello nei serbatoi
  • Analisi delle condotte
  • Analisi degli impianti vapore
  • Analisi di tenuta all’aria di celle frigorifere
  • Monitoraggio antincendio
  • Analisi di processo
  • Analisi degli sversamenti a mare
  • Ricerca perdite di gas
  • Analisi delle fornaci
  • Controlli di fiamma nelle torce di raffineria
  • Controlli NDT per materiali compositi
  • Sistemi di monitoraggio in continuo per verifiche su sicurezza o su processi
  • …e molto altro…

I nostri tecnici hanno esperienza internazionale in molteplici settori: Oil&Gas, chimico, alimentare, farmaceutico, metalmeccanico, R&D.

L’analisi che forniremo può essere svolta in tre modi diversi:

Nel primo tipo di ispezione si scattano le termografie solo ai componenti che presentano problemi. Questa ispezione è la versione che ha costi inferiori ed è suggerita per scopi puramente manutentivi, per le verifiche periodiche dopo la prima ispezione, oppure se la tua azienda vuole contenere i costi o ha bisogno del report molto rapidamente;

Il secondo tipo di ispezione viene fatto con l’acquisizione termografica completa di tutte le immagini ma il report contiene solamente i componenti che presentano problemi. In questo caso i costi risulteranno leggermente superiori poiché realizzare il report richiede un po’ più di tempo. I nostri software ci permettono, in ogni caso, di essere molto rapidi nella perfetta valutazione delle termografie;

Possiamo infine eseguire una ispezione termografica con acquisizione completa di tutte le immagini. Fatto questo, creiamo un report completo con tutte le immagini di tutti i componenti sottoposti a verifica. Questa è l’analisi tipica, suggerita a chi effettua la prima ispezione per il suo stabilimento ed è utile per creare la base dati per le successive ispezioni. In genere questo tipo di analisi viene richiesto anche dalle compagnie assicurative o nel caso in cui il cliente voglia fare un doppio controllo.

Termografia-portafusibile-difettoso
Termografia portafusibile difettoso
Darkwavethermo-Termografia-su-campi-fotovoltaici-e-relativi-componenti-elettrici
Termografia campo fotovoltaico
Darkwavethermo-Termografia-su-impianti-elettrici-industriali-e-civili
Termografia connessione trasformatore

Se ti servisse tenere un archivio facilmente consultabile e rielaborabile, magari per poter tracciare lo storico delle ispezioni e mostrarle ad un ente esterno, possiamo archiviare le tue immagini nel sistema TH-IM ®. Realizzato da IMC Service S.r.l., nostro partner tecnico, con il quale potrai effettuare ricerche ed interrogazioni sullo storico delle immagini attraverso un normale browser e con il quale potrai anche generare automaticamente report diversi da quelli che ti abbiamo fornito dopo l’ispezione.

Termografia-refrattario-forno
Refrattario difettoso su forni da pressofusione
Termografia-di-un-fusibile-surriscaldato-manutenzione-elettrica
Grave problema su fusibile da 460 A
Termografia-serbatoio-criogenico
Formazione di ghiaccio nella coibentazione di un serbatoio criogenico

La regola base per una buona misura di temperatura è che la risoluzione spaziale della termocamera deve essere adeguata alla dimensione dell’oggetto da misurare.

Noi controlliamo i singoli componenti elettrici uno ad uno, da distanza opportuna. Non facciamo panoramiche inutili.
Molto spesso infatti si trascura il fatto che per una corretta analisi delle temperature le immagini termografiche devono essere acquisite da una distanza corretta.

La dimensione dell’area analizzata da un singolo pixel della termocamera è un parametro fondamentale per una buona misura e, nelle schede tecniche, si indica come “IFOV Istantaneous Filed of View” o come “Risoluzione spaziale”. Tanto più questo valore è piccolo, tanto migliore risulta la termocamera.

Molti operatori termografici trascurano il fatto che se l’oggetto da misurare ha una dimensione inferiore a ciò che convenzionalmente si considera:

Dimensione minima (in mm) = 3 x IFOV x Distanza (in metri)

La misura di temperatura potrebbe allora risultare sbagliata e quindi anche la valutazione della criticità.

Per questo DarkWave Thermo utilizza termocamere con il migliore IFOV possibile e lenti teleobiettivo, per analizzare oggetti piccoli o oggetti a grande distanza.

Termografia-cuscinetti
Cuscinetto di albero disallineato
Termografia-connessione-difettosa-inverter
Cavo fuori posizione su inverter nuovo
Termografia-frattura-turbina
Criccatura su struttura di un turbogas

Esistono diversi criteri di valutazione di un Termogramma: dipendono dall’applicazione, dalla criticità e dai rischi coinvolti. 

Concordiamo con te quale sia il miglior criterio di giudizio con cui valutare i problemi. Prendendolo dalla letteratura tecnica o usandone altri.

In genere usiamo un criterio denominato “Delta T” che confronta le temperature raggiunte da un componente, in confronto a componenti simili nelle stesse condizioni di funzionamento.

A volte può essere necessario utilizzare il criterio della temperatura assoluta quando non troviamo termini di paragone ma serve in ogni caso verificare quanto sia grave la temperatura raggiunta dai singoli componenti, in relazione alla temperatura dell’aria attorno.

Un possibile criterio basato sulla misura del Delta T che usiamo è il seguente:

Criteri valutazione termografia "Experience based"

Un altro possibile criterio, suggerito dallo standard americano NETA, è quello basato sia sulla misura del Delta T che su quello delle temperature assolute. Lo riportiamo nella tabella seguente:

Criterio valutazione termografica NETA

Ricapitolando

Conosci i vantaggi di un lavoro ben organizzato, ed ora sai come lavoriamo.

Puoi quindi contattarci per informazioni più specifiche.